Risarcimento danni per condizioni inumane in carcere: critiche al decreto

Ci siamo trasferiti!
Per leggere l’articolo completo andare su http://www.arresti-domiciliari.com/2017/06/24/critiche/

Nonostante sia in vigore solamente dal 28 giugno, il D.L. 92 del 2014, ha già subito, come al solito, numerose critiche.

La prima caratteristica del decreto che salta all’occhio riguarda l’esigua somma di 8 euro per ogni giorno di tortura o atto inumano subito (nel caso in cui la vittima sia stata scarcerata) prevista come risarcimento che lo Stato Italiano deve all’ex carcerato in questione.

Per quanto riguarda invece il caso in cui la vittima dei trattamenti degradanti ed inumani sia ancora detenuto presso il carcere, il decreto dispone che il soggetto che abbia patito per più di 15 giorni una carcerazione in condizioni inumane, possa presentare un’istanza al magistrato di sorveglianza, chiedendo, a titolo di risarcimento del danno, una riduzione della pena detentiva da espiare pari a un giorno per ogni dieci durante i quali il richiedente ha subito il pregiudizio.


Ci siamo trasferiti!!!
Per leggere l’articolo completo andare su http://www.arresti-domiciliari.com/2017/06/24/critiche/

Risarcimento danni per condizioni inumane in carcere: critiche al decretoultima modifica: 2017-06-24T15:26:00+00:00da avv-cc
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in procedura. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento